Registratori di cassa telematici 2019: addio scontrini e ricevute cartacei

Nuovi registratori di cassa telematici per commercianti e artigiani per l'invio telematico degli incassi giornalieri: è addio a scontrini, fatture e ricevute.


registratori di cassa telematici

Con l’obbligo degli scontrini elettronici per commercianti e artigiani, arrivano i registratori di cassa telematici per l’invio online degli incassi giornalieri.

Dal 2019, oltre all’obbligo di fatturazione elettronica, già vigente dal 1° gennaio 2019, seguirà anche l’obbligo degli scontrini elettronici per commercianti e artigiani, ma non per tutti.

Chi è escluso dall’obbligo di emissione scontrini, fatture e ricevute cartacei può scegliere di aderire alla nuova opzione per i corrispettivi elettronici ed ottenere vantaggi.

Approfondiamo meglio come avverrà l’addio agli scontrini, fatture e ricevute cartacei, quali vantaggi ci saranno per chi utilizzerà lo scontrino elettronico, mediante i registratori di cassa di nuova generazione e per quali soggetti l’invio telematico dei corrispettivi elettronici sarà obbligatorio.

Scontrini, fatture e ricevute cartacei, addio?

La normativa ci indica chiaramente che la strada intrapresa è quella che segnerà la fine dell’emissione di scontrini, fatture e ricevute in formato cartaceo.

Con il decreto fiscale Collegato alla legge di Bilancio 2019, preceduto dal decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, è stata prevista la possibilità per soggetti quali artigiani e commercianti (esclusi dall’obbligo di emissione fattura) di fornirsi di registratori di cassa telematici che provvedono a inviare i dati delle operazioni all’Agenzia delle Entrate, ossia i cosiddetti “corrispettivi elettronici“, in alternativa alla emissione di scontrini, fatture o ricevute cartacei.

L’obbligo di emissione con la nuova procedura telematica, dal 1° aprile 2017 è diventata obbligatoria per i distributori automatici senza porta di comunicazione, mentre dal 2018 l’obbligo si è esteso anche ai ditributori automatici con porta di comunicazione e alla grande distribuzione, restando, invece, facoltativa per commercianti al minuto, ristoranti, albergatori, ecc…

Le novità fiscali derivanti dal nuovo decreto Collegato alla legge di Bilancio 2019, invece, avranno effetti a partire dal prossimo 1° luglio, data in cui scatterà l’obbligo di registratori di cassa telematici per i soggetti con volume d’affari superiore a 400.000 euro. Dal 1° gennaio 2020, poi, salvo specifici casi di esonero, l’obbligo sarà esteso a tutti i commercianti ed esercenti (articolo 22 del D.P.R. Iva 633/1972).
Una vera rivoluzione fiscale che segnerà il passaggio di scontrini, fatture e ricevute fiscali dalla carta al digitale.

Per tutti coloro che dovranno acquistare o adeguare di registratori di cassa telematici all’emissione dello scontrino elettronico, alla trasmissione dei corrispettivi e per la lotteria scontrini, è previsto un bonus del 50%, così come spiegato nel comunicato stampa della Agenzia Entrate del 28 febbraio 2019.

Cosa sono i registratori di cassa telematici e cosa cambia?

I registratori di cassa telematici di nuova generazione sono strumenti che consentono di trasmettere telematicamente gli incassi giornalieri, all’Agenzia delle Entrate, mediante la procedura online della stessa Agenzia denominata: corrispettivi elettronici.

Il registratore di cassa di nuova generazione garantisce l’inalterabilità e la sicurezza dei dati trasmessi, inclusi quelli relativi ai pagamenti effettuati con moneta elettronica, quali ad esempio il POS.

Commercianti al minuto e artigiani, con il decreto legge 127/2015, possono liberamente scegliere di emettere lo scontrino elettronico, quindi di accantonare scontrini, fatture e ricevute cartacei, trasmettendo i dati degli incassi mediante l’applicativo gratuito Agenzia delle Entrate, realizzato per l’inoltro della fattura elettronica e dei corrispettivi elettronici tramite il SID – Sistema di Interscambio – già impiegato per generare, trasmettere e conservare le fatture della Pubblica Amministrazione.

I registratori di cassa telematici, quindi potranno essere liberamente adottati anche da artigiani e commercianti al minuto, che sono esonerati dall’obbligo di emissione e rilascio della fattura ai sensi dell’art. 22 del dpr 633/72,  per la memorizzazione elettronica e trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate, dei dati relativi agli incassi giornalieri delle vendite di beni e delle prestazioni di servizi rilevanti ai fini Iva.

I consumatori finali e i clienti dei soggetti che adottano la nuova procedura dei corrispettivi elettronici e dei soggetti che sceglieranno di adottarla, non riceveranno più il documento di spesa cartaceo (scontrini, fatture e ricevute) grazie al cosiddetto scontrino elettronico che verrà trasmesso, in tempo reale, all’Agenzia delle Entrate, tramite i nuovi registratori di cassa telematici.
Ciò non preclude, però, per i consumatori finali e i clienti dei negozi, la possibilità di farsi rilasciare su espressa richiesta, il documento di spesa di cortesia.

Quali vantaggi per chi sceglie di adottare lo scontrino elettronico?

I vantaggi principali per chi ha già adottato lo scontrino elettronico sono 2:

  • la registrazione dei corrispettivi giornalieri non è più obbligatoria, perchè alla memorizzazione elettronica e trasmissione telematica, all’Agenzia delle entrate, dei corrispettivi giornalieri, ci pensa il nuovo registratore di cassa di nuova generazione;
  • non è più obbligatoria la certificazione fiscale, ossia, l’emissione di scontrini e ricevute con valenza fiscale. Fermo restando, la possibilità di emettere la fattura di cortesia su richiesta dal cliente.

Come aderire all’opzione dei corrispettivi elettronici?

I soggetti che vogliono adottare lo “scontrino elettronico”, devono presentare apposita domanda all’Agenzia delle Entrate. Tale domanda avrà effetto per 5 anni, e, se non revocata, si rinnoverà automaticamente ogni 5 anni.


Ti piace? Condividilo con i tuoi amici!

Qual'è la tua reazione?

Angry Angry
0
Angry
Cute Cute
1
Cute
Fail Fail
0
Fail
Geeky Geeky
0
Geeky
Lol Lol
0
Lol
Love Love
0
Love
WTF WTF
1
WTF
Cry Cry
0
Cry
Damn Damn
0
Damn
Supermotion

0 Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli un formato
Quiz Personalità
Serie di domande col fine di rivelare qualcosa sulla personalità
Quiz Trivia
Serie di domande con le quali si intende verificare le conoscenze su qualcosa
Sondaggio
Votazione per esprimere delle preferenze
Storia
Contenuto testuale con possibilità di incorporare contenuti multimediali
Lista numerata
Il genere giornalistico del listicle: articoli basati su liste di cose, oggetti o fatti
Countdown
I classici countdows di internet
Lista aperta
Submit your own item and vote up for the best submission
Classifica
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Carica la tua immagine per realizzare un meme personalizzato
Video
Codici da sorgenti esterne YouTube, Vimeo o Vine
Audio
Contenuto SoundCloud o MixCloud da fonti esterne
Immagine
Foto o GIF
Gif
Formato GIF